Althusser legge Marx

1/2008, aprile ISBN: 889013013Xpp. 177 - 183

Abstract

Tra la metà degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta, Althusser pone al centro della propria riflessione il tema della “pratica teorica” e di una teoria della congiuntura. Argomenti che dovevano preparare il campo per la definizione del concetto di “materialismo aleatorio”. Dunque, filosofia e politica (sebbene questa congiunzione suoni già come un tradimento dell’impostazione althusseriana): Althusser studia la relazione tra l’immutabilità globale del mondo e il suo essere negata da una o più variazioni interne che ne rendono possibile la trasformazione, come una cartografia della storia non può che mostrare. Ed è questa possibilità, dimostrata dalla pratica, che garantisce ai progetti rivoluzionari il grado di razionalità che gli è proprio e li sottrae, invece, all’arbitrio. Marx ci ha guidato nella strada che rende intelligibili questi processi. È dopo Marx, infatti, che si può sospettare cosa significhi veramente leggere, ovvero interpretare in funzione euristica.

Cita l'articolo
MLA
Piccolo, Massimiliano. "Althusser legge Marx". Pólemos II. 1. (2008): 177-183 https://www.rivistapolemos.it/althusser-legge-marx/?lang=it
APA
Piccolo, M. (2008). "Althusser legge Marx". Pólemos II. (1). 177-183 https://www.rivistapolemos.it/althusser-legge-marx/?lang=it
Chicago
Piccolo, Massimiliano. 2008. "Althusser legge Marx". Pólemos II (1). Stamen: 177-183. https://www.rivistapolemos.it/althusser-legge-marx/?lang=it
RIS
BibTeX

Keyword

Contatti

info » redazione[at]rivistapolemos.it
call for paper » cfp[at]rivistapolemos.it