De Voce

1/2020, Luglio ISBN: 9788855221153pp. 27 - 39 DOI: 10.48247/P2020-1-003

Abstract

Non esiste, in Occidente, un sapere classico che abbia per oggetto la voce. Non che le arti degli antichi ne ignorino il nome, o l’idea. Psicologia, logica, musica, retorica, grammatica: ognuna di queste discipline incontra la voce. Ognuna la nomina, senza esitazione, formula proposizioni che la riguardano, ritornandovi persino spesso. Nondimeno nessuna ne costituisce, propriamente parlando, un sapere; ancor più, nessuna potrebbe esserne il sapere. E ciò per una ragione di principio. La caratteristica peculiare della voce, nelle arti antiche, è di nominare un ambito. Cos’è la voce, se deve esservi in essa qualcosa? Cos’è questo luogo, in cui si mostrano gli elementi di cui le arti si pretendono i saperi? Al di là o al di qua delle sue partizioni, appare la voce sola? Possiede forse anch’essa un suono?

Scarica l'articolo Cita l'articolo
MLA
Heller-Roazen, Daniel. "De Voce". Pólemos I. 1. (2020): 27-39 https://www.rivistapolemos.it/de-voce/?lang=it
APA
Heller-Roazen, D. (2020). "De Voce". Pólemos I. (1). 27-39 https://www.rivistapolemos.it/de-voce/?lang=it
Chicago
Heller-Roazen, Daniel. 2020. "De Voce". Pólemos I (1). Stamen: 27-39. https://www.rivistapolemos.it/de-voce/?lang=it
RIS
BibTeX

Keyword

Contatti

info » redazione[at]rivistapolemos.it
call for paper » cfp[at]rivistapolemos.it

sullo stesso argomento