FRANÇOISE COLLIN. TO BE BORN TO WRITING BETWEEN BRUXELLES AND NEW YORK

1/2017, April ISBN: 9788899871789pp. 202 - 213 DOI: 10.19280/P2017-1-011

Abstract

Scrittrice, filosofa e femminista, Françoise Collin nasce l’8 aprile 1928 a Braine-Le Compte, in Belgio. A partire dagli anni Ottanta vive a Parigi e muore a Saint-Sauveur, in Belgio, il 1 settembre del 2012. La sua infanzia è segnata dalle due catastrofi più grandi del XX secolo: la Seconda guerra mondiale e l’Olocausto. Dopo aver studiato filosofia all’Università di Lovanio – università dove consegue anche il dottorato – ottiene una borsa di studio per continuare i suoi studi a Parigi dove segue i corsi di Jean Hyppolite e di Maurice Merleau-Ponty. All’università di Lovanio ha come compagno di corso Jacques Taminiaux, filosofo, che diventerà suo marito. La coppia ha due figli: Laurence e Pierre.
Giovane e con un talento prodigioso, entra nella brillante costellazione degli scrittori del Nouveau Roman a trentadue anni, pubblicando negli anni Sessanta una raccolta di poesie e due romanzi («Poèmes», in Écrire, 1958; Le jour fabuleux, 1960; Rose qui peut, 1962) nella collezione di Jean Cayrol presso la casa editrice Seuil dove la rivista Tel Quel diretta da Philippe Sollers iniziava a muovere i suoi primi passi. Insegna filosofia all’Università di Saint-Louis a Bruxelles, all’Università di Lie- gi e all’Istituto superiore di formazione sociale, a Parigi – in cui sceglie di vivere a partire dagli anni Ottanta – insegna al Collège international de philosophie et al Centre parisien d’études critiques, avamposto della Columbia University e tiene delle conferenze in tutte le istituzioni importanti della vita culturale ed intellettuale parigina, fra cui il Centre Pompidou.
Nel 1971 entra a pieno titolo nella scena filosofica francese con la pubblicazione della sua tesi di dottorato su Maurice Blanchot che costituisce il primo studio critico a lui dedicato, allora conosciuto da una ristretta cerchia di intellettuali, e che tutt’oggi resta una delle monografie di riferimento su tale pensatore di eccezione. La sua carriera accademica è però infranta dalle pratiche sessiste dei dipartimenti di filosofia: è per queste ragioni e con tale formazione che Collin diviene femminista.

Download this article Cite this article
MLA
Montanaro, Mara. "FRANÇOISE COLLIN. TO BE BORN TO WRITING BETWEEN BRUXELLES AND NEW YORK". Pólemos X. 1. (2017): 202-213 https://www.rivistapolemos.it/franc%cc%a7oise-collin-nascere-alla-scrittura-tra-bruxelles-e-new-york/?lang=en
APA
Montanaro, M. (2017). "FRANÇOISE COLLIN. TO BE BORN TO WRITING BETWEEN BRUXELLES AND NEW YORK". Pólemos X. (1). 202-213 https://www.rivistapolemos.it/franc%cc%a7oise-collin-nascere-alla-scrittura-tra-bruxelles-e-new-york/?lang=en
Chicago
Montanaro, Mara. 2017. "FRANÇOISE COLLIN. TO BE BORN TO WRITING BETWEEN BRUXELLES AND NEW YORK". Pólemos X (1). Stamen: 202-213. https://www.rivistapolemos.it/franc%cc%a7oise-collin-nascere-alla-scrittura-tra-bruxelles-e-new-york/?lang=en
RIS
BibTeX

Keyword

Contacts

info » redazione[at]rivistapolemos.it
call for paper » cfp[at]rivistapolemos.it